COSA FA L’OSTETRICA?


L’ostetrica è la professionista sanitaria che accompagna la donna nelle varie fasi della propria vita femminile: dal menarca, attraverso l’adolescenza, arrivando al momento della gravidanza e della nascita del proprio figlio, fino alla menopausa.

Nello specifico all’interno di eleven days l’ostetrica si occupa del benessere fisiologico di mamma e bambino attraverso l’osservazione attenta dei parametri di salute che permettono di capire l’adattamento post nascita della diade madre-figlio.


All’interno dell’adattamento post nascita si dedica molto tempo all’allattamento al seno che, nei primi giorni successivi al parto, mette le basi per quella che sarà l’alimentazione nel primo anno di vita del bambino.
Pertanto durante una visita ostetrica in puerperio si osserveranno e, ove necessario, tratteranno i seguenti temi:

Benessere materno: si controllerà che l’utero stia riducendo la propria dimensione e che le perdite ematiche siano fisiologiche. Si osserverà lo stato di guarigione della cicatrice perineale (qualora ci sia) oppure della sutura da taglio cesareo; si inizierà a parlare di salute del pavimento pelvico dopo il parto. Grande spazio verrà dato alla risposta a dubbi e domande che la neomamma può presentare, in modo da facilitare la scoperta delle proprie risorse endogene.


Benessere neonatale: si osserveranno i parametri che indicano il suo benessere quali colorito, tono, frequenza respiratoria, guarigione del cordone ombelicale. Faciliteremo con alcune tecniche dolci l’adattamento extrauterino contenendo e coccolando il piccolo.
Verrà valutata in ottica salutogenica anche la crescita del bambino osservando, non solo, il dato del peso, ma anche altri fattori fondamentali quali la sua reattività, la sua idratazione e la regolarità intestinale.

Allattamento: durante una poppata si noteranno eventuali problematiche, come ad esempio modalità di suzione o di attacco al seno non adeguata, e si metteranno in atto tecniche per favorire un migliore allattamento. In caso sia in corso un allattamento misto si inizierà ad impostare uno schema per incrementare produzione di latte materna e diminuire le aggiunte di latte, eventualmente introducendo dei dispositivi o delle modalità di dare il latte in aggiunta che siano tutelanti rispetto l’allattamento al seno.

In caso di allattamento difficoltoso sarà necessari fissare degli incontri periodici per monitorare ed adeguare gli accorgimenti terapeutici in base ad i cambiamenti che avvengono nel tempo sia nella madre che nel bambino.